Viaggio in Sicilia: il sangue della terra lavica

«come un immenso gatto di casa che quietamente ronfa e ogni tanto si sveglia, sbadiglia, con pigra lentezza si stiracchia e, d’una distratta zampata, copre ora una valle, ora un’altra, cancellando paesi, vigne e giardini». (Leonardo Sciascia) Svetta dall’alto dei suoi 3350 metri ‘a Muntagna, incurante della vita che si svolge ai suoi piedi: sbuffa…